Ancora sul Narratore di W.Benjamin

Il narratore di cui Benjamin tratta è lo scrittore russo ottocentesco Nicolai Leskov. Il saggio è importante perché in esso Benjamin parla dell’esperienza nella modernità, della capacità (o incapacità) di fare esperienze, della natura dell’esperienza dopo l’avvento e il consolidarsi del mondo borghese. All’impoverimento (chiamiamolo così) dell’esperienza nel mondo moderno, … Leggi tutto

Leggi il seguito

Linguistica e semiotica femminile

storia-delle-donne

Anche viaggiatori e missionari del diciassettesimo e

del diciottesimo secolo riportano resoconti di ‘linguaggi

delle donne’ fra gli indiani americani, fra gli africani e gli

asiatici, anche se le differenze nelle strutture linguistiche

che essi riportavano erano spesso superficiali. Esiste pure

un’evidenza etnografica che dimostra come in certe culture le … Leggi tutto

Leggi il seguito

Annie Ernaux Gli anni (incipit)

9788898038169_0_0_731_80arnauxTutte le immagini scompariranno.

la donna accovacciata che, in pieno giorno, urinava dietro la baracca di un bar al margine delle rovine di Yvetot, dopo la guerra, si risistemava le mutande con la gonna ancora sollevata e se ne tornava nel caffè

il volto pieno di lacrime di Alida Valli … Leggi tutto

Leggi il seguito

Elena Ferrante e Thoms Mann Da ‘Il Manifesto’

51nff2mjullferrante

Leggere l’ultimo volume della tetralogia di Elena Ferrante, intitolata Storia della bambina perduta (e/o, pp. 464, euro 19.50), vuol dire guardare l’acqua buia e opaca della fine del Novecento e considerarlo esso stesso a sua volta un bambino perduto. Perché tale appare nelle vite delle due amiche Lila e Lenù, … Leggi tutto

Leggi il seguito